X
Menu
X

Il terzo fondo di Private Equity della Sgr compra TFM Automotive & Industry

Il gruppo è attivo nella componentistica di precisione e ne12016 ha registrato ricavi per oltre 52 milioni

Con il veicolo già raccolti 200 milioni, l’obiettivo è 250

Mentre si avvicina l’ingresso dei nuovi soci Quadrivio scommette sulle auto. Il terzo fondo di private equity della sgr controllata da Alessandro Binello e Walter Ricciotti ha comprato una partecipazione di maggioranza della veneta Tfm Automotive & Industry, uno dei leader europei nella produzione di componenti meccanici di precisione di alta gamma per i settori automotive, oil&gas e biking. L’operazione permetterà al fondo, che per ora ha raccolto adesioni per 200 milioni, di detenere una quota di maggioranza, pari al 60%, mentre il restante 40% sarà detenuto dagli attuali soci. Con questa nuova operazione il fondo realizza il terzo deal nel corso degli ultimi 18 mesi e conferma il target di raccolta a 250 milioni, da raggiungere nei primi mesi del 2018. E la preda? Tfm Automotive & Industry, fondata nel 1969 da Paolo Marcolin a Lissaro di Mestrino (Padova), ha fatturato 56 milioni nel 2016 e negli anni si è contraddistinta nel mercato della componentistica di precisione grazie al know-how di produzione e alla flessibilità produttiva in termini di utilizzo di macchinari. Questi fattori hanno permesso di costruire un rapporto solido con i principali Tier-1 di settore, quali Continental, Bosch e Kspg. Anche in questo caso, in continuità con le operazioni fatte dal fondo nel corso del 2016 (come Somacis e Farmol), Quadrivio Private Equity 3 (assistito nel deal dallo studio Legance, da Russo De Rosa Associati e da PwC Italia) punta ad affiancare i soci venditori nello sviluppo della società e delle sue controllate. «Siamo particolarmente soddisfatti dell’acquisizione di – Tfrn», hanno spiegato Nicola Pietralunga, direttore investimenti, e Roberto Giudici, senior investment manager dell’area private equity di Quadrivio Capital. «La società rispetta appieno i nostri criteri di selezione di aziende target che vantano un posizionamento competitivo di leadership nei rispettivi settori», hanno concluso i due manager. Nelle prossime settimane intanto l’advisor Lazard raccoglierà le offerte vincolanti per la sgr.

Fonte: Milano Finanza